Pubblichiamo la riflessione personale che alcuni laici, alternandosi, presentano al posto dell’omelia ogni prima domenica del mese, durante la liturgia delle 10,30 in Convento.

7 Aprile 2019

Testimonianza al Convento nella V domenica di quaresima a cura di Marta Telatin

Gv 8, 1-11

L’OLTRE

La lettura di questa domenica ci porta a riflettere su dei temi molto importanti e che in modo diverso si
accordano con la mia esperienza di vita e di lavoro.
Propongo nelle scuole dei laboratori sui sensi e le emozioni per allenare i ragazzi a guardare Oltre, a
non soffermarsi solo su quello che si vede. Mi pare evidente che in questo passo Gesù va oltre, accetta
e perdona. Scrive per terra, non guarda e soprattutto parla della legge più importante: l’amore.
Anch’io nel mio percorso ho incontrato l’accettazione, l’accoglienza e di conseguenza il perdono. Ho
perso la vista all’età di 13 anni dopo un percorso ospedaliero importante. All’inizio ero molto arrabbiata
e non mi accettavo. Poi si cresce e si va avanti e si decide di voler VIVERE. Accetti, accogli quello che
ti è accaduto e perdoni. Penso che solo abbracciando queste tre fasi, la persona possa incontrare il
senso della felicità.
Non si può essere felici se non si accetta e non si perdona quello che incontri nel tuo cammino di vita.
È importante capire che in ognuno di noi ci sono il bello, l’amore, la forza e il coraggio: l’agio del cuore,
facciamoli emergere cercando di trovare nuovi punti di “non vista”.

Poesia di Marta

GLI ALBERI

Radicati e centrati
si sostengono dal profondo
fino a toccare l’azzurrità

gli alberi
hanno identità
cortecce di carattere
e sorrisi tra le foglie

a volte s’intrecciano tra loro
sfiorandosi i rami nel cielo

s’inchinano maestosi alla bellezza

a volte si allontanano
vivendo solitari
in qualche radura

un po’ scorbutici
un po’ permalosi
un po’ chissà

gli alberi
sanno cos’è la giusta distanza
conoscono il rispetto
e accolgono ogni forma di vita

sono madri e padri
sono fratelli e figli

e s’innamorano gli alberi?
Credo proprio di sì…

raccontano
ascoltano
regalano silenzi importanti

VEDONO

quando li abbracci
il tempo si ferma
insieme si respira
e ti riempi d’immenso e pace

Essere amico di un albero
è come voler bene a te stesso

Marta Telatin

Write a comment:

You must be logged in to post a comment.

© 2016 S.Maria del Cengio - Comunità dei Servi di Maria
Top
Seguici su: